Dipartimento di Ingegneria Industriale
via di Santa Marta, 3 - 50014 Firenze
tel. 0552758711
mail: michelangelo.gulino@hotmail.it

Si segnala quanto segue: la Scuola di Ingegneria dell'Università di Firenze ha attivato per l'anno 2017 il Master di Secondo Livello in Ingegneria Legale.

L’ingegneria legale è una materia prettamente professionale che non rientra nel novero degli insegnamenti tradizionali dell’ingegneria, trasversale rispetto alle discipline della tecnica e del diritto.

L’ingegnere legale può essere chiamato ad indagare sulle cause e sulle responsabilità di un evento dannoso o a quantificare dei danni, in veste di consulente tecnico di ufficio o di parte nei procedimenti giudiziari, negli arbitrati stragiudiziali o in veste di conciliatore. Egli, pertanto, analizza le cause più probabili e le origini per cui si è verificata una anomalia nel funzionamento di un qualunque tipo di costruzione o di prodotto, di un impianto, di un macchinario, di un fabbricato, di una struttura, ecc. da cui sono scaturite lesioni alle persone o danni alle cose.

Il Master, arrivato alla terza edizione, fornisce le basi per acquisire la professionalità richiesta dal ruolo di ausiliare del giudice o di consulente di parte, di arbitro o di conciliatore; affronta le metodologie per la ricerca delle responsabilità e fornisce un metodo di indagine tecnica nei casi più frequenti di eventi dannosi (quali incidenti sul lavoro, stradali, dissesti, crolli, estimo, incendi, vizi o difetti di macchinari, impianti meccanici o infrastrutture viarie, ecc.), inquadrando ciascuna fattispecie dal punto di vista giuridico/normativo e sotto l’aspetto tecnico.

Le lezioni del Master avranno inizio il 13 gennaio 2017 e si terranno presso i locali della Scuola di Ingegneria in via di Santa Marta, 3 a Firenze nei giorni di venerdì, mattina e pomeriggio, e sabato mattina. La scadenza delle iscrizioni alle selezioni è fissata per il 16 Novembre 2016 alle ore 13:00. La partecipazione al Master sarà favorita dalla possibilità di seguire le lezioni registrate attraverso la piattaforma Moodle fornita da SIAF - Sistema Informatico dell'Ateneo Fiorentino.

Il Master è suddiviso in 6 insegnamenti ciascuno dei quali composto da 1 o 2 moduli:

· Aspetti tecnico – giuridici (7CFU)

o Elementi di diritto civile e penale (3 CFU)

o Elementi di diritto processuale e sostanziale (4 CFU)

· Failure Analysis (4 CFU)

o Failure Analysis & Forensic Engineering (4 CFU)

· Biomeccanica delle lesioni e fattore umano (6 CFU)

o Biomeccanica delle lesioni traumatiche (3 CFU)

o Ricostruzione biomeccanica dell'incidente e fattore umano (3 CFU)

· Infortunistica dei trasporti (11 CFU)

o Infortunistica dei veicoli terrestri I (6 CFU)

o Infortunistica dei veicoli terrestri II (5 CFU)

· Infortunistica del lavoro (11 CFU)

o Sicurezza del lavoro ed analisi dei rischi (7 CFU)

o Acustica ambientale ed industriale (4 CFU)

· Valutazione dei danni (11 CFU)

o Danni a fabbricati e strutture (4 CFU)

o Appalti, estimo ed espropri (7 CFU)

Il Master prevede una attività formativa per complessivi 60 Crediti Formativi Universitari (CFU): 50 CFU di didattica frontale, 6 CFU di tirocinio, 4 CFU di tesi.

È inoltre prevista la possibilità di iscriversi e seguire alcuni moduli singoli, fino ad un massimo di 12 CFU.

Il corso è caratterizzato da una impronta multidisciplinare e da un forte orientamento applicativo, possa essere di estremo interesse per i professionisti che operano quali ausiliari del giudice o delle parti nell’ambito dei procedimenti giudiziari o stragiudiziali, in quanto fornisce le competenze per l’applicazione dei principi e dei metodi scientifici dell’ingegneria alla soluzione dei problemi tecnici.

Inoltre crediamo che la partecipazione al Master possa destare l'interesse dei professionisti iscritti ai vari Ordini visto che l’approfondimento tecnico-scientifico-giuridico offerto è accompagnato dall'acquisizione di 30 Crediti Formativi Professionali (CFP), così come specificato dal regolamento per l’aggiornamento della competenza professionale degli ingegneri.

Si specifica che i crediti riconosciuti sono formali.




 

Incendi